4.8.10

Brezze



Attendeva con fremente impazienza di aprire un nuovo capitolo e dare una svolta alla sua vita. Quale infernale e indicibile fatica, passare attraverso le forche caudine e superare il muro che aveva ormai interiorizzato. Aveva smesso di cercare una spinta, ed ecco che, proprio allora, avevano cominciato ad arrivarle da ogni lato. Erano come carezze, e si sentiva come le foglie sospinte in aria da certe lievi brezze...

"It is by faith that poetry,
as well as devotion,
soarse above this dull earth;
that imagination breaks
through its clouds,
breathes a purer air,
and lives in a softer light."

Henry Giles








YUKI, AKA PRISMA TBFKA MUSEUM

Creative Commons License Permissions beyond the scope of this license may be available here.

Soundtrack: Sacrifice - Lisa Gerrard

6 commenti:

Yuki aka Prisma ha detto...

...e come un mantra tentava di incidere quelle parole sulla sua anima, a futura e imperitura memoria...

Radio Pazza ha detto...

Mi hai fatto immaginare di sentirmi così ... accarezzato e dissolto, felice.

Bak

Ishtar ha detto...

Stupendo sorre..lasciamoci avvolgere da quelle carezze....intonando, con veemenza il mantra...baciotti

Mio ha detto...

E' che detto così suona tanto di cambio di realtà, per Giles intendo. Per me credo che la realtà sia solo una, ignorarla porta ad un'altra dimensione magari più dolce, cercarla porta a quello che non si può talvolta accettare perché umanamente vietato. Forse talvolta è meglio abbracciare un manichino a pezzi che regalarsi un futuro da suonatori senza pubblico. Però, poi, non consola che non resti più anche la musica.

Serena giornata Yu',

Roberto


PS: si dorme poco oggi...

jackie ha detto...

Così come un soffio...una brezza che accarezza l'anima e il cuore..arrivano segni,impercettibili promesse mantenute,il fato ci regala..come in questa notte delle stelle,passo silenziosa,con l'auspicio che in una di esse soggiacia un desiderio realizzato..con tutto il cuore,affido..buone cose amica mia;)jackie^^.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

belle parole quelle di Giles ma non ci credo molto che funzionai così.