11.12.10

Il Tempo Del Perdono



...ed è tutto così farraginoso, calcificato, come un vecchio tappo ostinatamente avvitato.
Un magma iridescente freme per ricominciare a fluire, ma il passaggio resta bloccato.


Ricordi, volti, parole, tra il reale e il virtuale, si mescolano tra loro e li osserviamo, nel tentativo di ricavarne un messaggio. Sappiamo che il dovere si sta sostituendo pericolosamente al piacere. Ed è in profondità che è avvenuto lo scambio, un giorno lontano, di tanto tempo fa. Emozioni ignote hanno compiuto il sequestro nottetempo, barattando la necessaria sopravvivenza con le pulsioni dell'io più spontaneo, vivace, incosciente. Per lungo tempo tutto è sembrato procedere al meglio, le redini saldamente in mano, ogni cosa - o quasi - sotto controllo, a contrastare l'ineluttabilità imprevedibile di certi eventi troppo grandi per chiunque. Poi, di colpo, il ramo che ci ha generati si spezza e, anziché spiccare il volo, restiamo inebetiti a fissare il vuoto che ha lasciato schiantandosi al suolo, sulla terra bagnata.

Razionalmente è tutto così chiaro! Ma la guarigione dell'anima non ha niente di razionale... passa per sentieri insondabili dall'intelletto e si snoda attraverso l'intimità di automatismi da invertire, energie da riconvertire, mani che affondano nel fango di se stessi, nello sguardo senza paura che, occhi negli occhi, ci riporta al punto esatto da cui eravamo partiti. Il piacere è diventato dovere ed è qui che nasce l'inghippo... i libri comprati e accumulati senza mai leggerli, centinaia di canzoni ancora da scoprire, le mille possibilità di una mente che vorrebbe scrivere e descrivere mondi e persone e invece resta incartata dietro i talenti altrui, ritenendoli immensamente più validi delle proprie personali antiche velleità. Tutte scuse! Alibi dietro cui nascondersi, per cristallizzare un'immobilità che presto dovrà finire.

Tutto ha il suo Tempo e questo è il tempo della pazienza, del perdono e delle possibilità.

Perdònati per tutto quello che avresti voluto fare e che invece non hai fatto e guarda tutto ciò che invece hai saputo fare, nonostante tutto!

Crisalide congelata, verrà la tua primavera... E tu ne sarai l'artefice.





YUKI, AKA PRISMA

Creative Commons License Permissions beyond the scope of this license may be available here.


Soundtrack: Come Ogni Volta - La Crus

6 commenti:

SALVATORE FITTIPALDI ha detto...

"Il grande poeta, mentre scrive se stesso, scrive il suo tempo."
(T. S. Eliot)

"C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo."
(C. Baudelaire)

I am ha detto...

"Perdònati per tutto quello che avresti voluto fare e che invece non hai fatto e guarda tutto ciò che invece hai saputo fare, nonostante tutto!"
E' tutto qui. Amati in ogni atomo di cui sei composta, e sarai libera di amare.... Un abbraccio amica mia

jackie ha detto...

Natale..tempo di luce che sconfigge la fredda oscurità..momento di rinascita,di valori che trovano la giusta collocazione-per chi sa interpretarli-ecco perché,ne son sicura,anche tu parteciperài di questa energia che irraggia il cuore..my dear little sister..kisses.your j^^.

fabio r. ha detto...

Time after Time Genius, aihmè...

jackie ha detto...

La pulsione del controllo,così come il desiderio d'essere qualcosa al di la..specie quando fremono talenti inespressi..tutto convoglia verso un estremizzazione di ciò che sentiamo interiormente e ciò che riusciamo ad essere realmente..restano quei cavalli in tiro alla carrozza,belli potenti,veloci..solo che ognuno tira per conto proprio!..ecco yuki cara dove risiede l'inghippo..mentre tutto ciò accade,sentiamo dentro un blocco..se soltanto volessimo..riuscire a fare quel salto..ma una palude di sovrastrutture ci imprigiona,come una dolce melassa della quale non riusciamo a liberarci..ma sovente il destino-sotto molte forme,ahimè non sempre gradite-ci impone cambiamenti molte volte dolorosi..ma forse anche necessari..non so..ma vedi poiché credo che niente sia per caso,noi possiamo piantare un bel seme,magari d'un bel pesco..e così crescerà,solo con le nostre amorevoli cure esso svilupperà sino a diventare un bell albero da frutto,ma sempre di pesche,belle e profumate,nessun altro tipo di frutto,non un melo ne un però..questo è il fulcro...nessuna ossessione del controllo,perché se è il talento giusto esso sboccierà secondo ciò per cui è dedicato..il dolore e l'ansia,possono si rallentarci,ma non fermarci..basta solo che lo vogliamo..ecco sorellina,cosa penso,solo una questione di tempo..con un pò d'aiuto,un pò di coraggio e..vn pizzico di fortuna..la stessa che auguro in questo tempo che s'apre all'avvento,simbolo di rinascita luminosa,splendente..per questo con tanto affetto,ti faccio tanti auguri affinché tutto ciò che desidera il tuo nobile cuore divenga realtà..com l'auspicio che il nuovo anno segni l'inizio d'una nuova era,per la tua,come la mia,esistenza all'insegna di speranze avverate..merry xmas and a happy new year;) special kiss for you,your j^^.

I am ha detto...

Ciao piccola, non so dovei sei come stai e cosa fai,se la nostalgia ti assale, se la tristezza ti prende tra le sue maglie. Ti abbraccio con gli Auguri di una Vita nuova fatta di gioia, di felicità che entra nel cuore che da infranto diventa leggero come una piuma e sei pronta così a volare negli spazi più meravigliosi in una tua Mente ritrovata.